Tag ‘Zibaldone di Cose’

Dentro l’immagine latente

venerdì, 8 marzo, 2013

Catturato negli scatti di Teresa Mancini de L’ IMMAGINE LATENTE e trasformato in fluido divenire di un corpo in movimento, ecco all’improvviso farsi realtà e uscire dalle immagini così come ne era entrato.

video romano rocchi immagine latente

clicca per vedere il video


Romano Rocchi
[in arte Ro' Rocchi], in occasione dell’arrivo a Roma della mostra de L’IMMAGINE LATENTE al Laboratorio Artigiano Zibaldone di Cose a San Lorenzo, ha riproposto una sintesi della performance che ha ispirato il reportage di Teresa Mancini.

Romano Rocchi Photo by Ruggero Passeri 2013

Accompagnato al contrabbasso da Cristiano Argentino Storino, Romano Rocchi ha ripercorso i fotogrammi  rendendo così comprensibile l’intuizione di Teresa Mancini e la sua grande competenza, oltre che creatività, nel trasformare la materia, fissandola in un continuum spazio temporale di frammenti di emozioni.

In poco meno di 7 minuti, il mimo Romano Rocchi ha regalato ai presenti un piccolo ma suggestivo spettacolo, un evento di teatro nell’evento della mostra fotografica L’IMMAGINE LATENTE di Teresa Mancini.

La mostra rimarrà aperta fino al 22 marzo 2013 presso il Laboratorio Artigiano Zibaldone di Cose, nel quartiere San Lorenzo, Via dei Marsi 1-3, con orario 9:30 – 19:00 dal lunedì al sabato.

Per informazioni: info@zibaldone.eu | www.zibaldone.eu | Tel. 333 477 8181
Scarica qui la presentazione della mostra.

L’IMMAGINE LATENTE, fotografie di Teresa Mancini

mercoledì, 6 marzo, 2013

L’ IMMAGINE LATENTE: anche a Roma, dopo Pordenone, Czestochowa in Polonia e a Kormend, in Ungheria, le fotografie di Teresa Mancini.

L' Immagine Latente fotografie di Teresa Mancini“Latente, quindi visibile-invisibile, perché è la velocità della luce o di un essere umano, a fornirci un infinito caleidoscopio di ricorsi e rimandi inconsci nel nostro osservare. Con un campo visivo misteriosamente alterato: il senso estetico delle composizioni di Teresa Mancini si concentra su una destabilizzazione di linee luminose o nella fuggevolezza dei movimenti del corpo. Lo sguardo rimbalza da una parte all’altra; non vi è più la classica profondità di campo di accademico precetto, ma l’osservatore è simmetricamente speculare all’unico piano focale dettato dalle vibrazioni della luce o della carnalità.” [Andrea Attardi, Fotografo – Docente di Fotografia all’Accademia di Belle Arti di Roma]

In occasione dell’apertura, il 7 marzo presso il Laboratorio Artigiano Zibaldone di Cose a San Lorenzo, il mimo Romano Rocchi, accompagnato dal contrabbassista Cristiano Argentino Storino, riproporrà un rivisitazione della performance, con l’intento di ricreare l’atmosfera in cui sono nate le fotografie di Teresa Mancini.

La mostra rimarrà aperta fino al 22 marzo 2013 presso il Laboratorio Artigiano Zibaldone di Cose, nel quartiere San Lorenzo, Via dei Marsi 1-3, con orario 9:30 – 19:00 dal lunedì al sabato.

 

Per informazioni: info@zibaldone.eu | www.zibaldone.eu | Tel. 333 477 8181
Scarica qui l’invito e la presentazione della mostra.